Produzioni 

  Biografia

 Curiosità

Contatti 

 Links

Album foto

Torna a Curiosità 

  NOMI PROPRI E PECCHI SICILIANI

SCOPRI COME TI AVREBBERO CHIAMATO I TUOI GENITORI O I TUOI NONNI NELLA PRIMA METÀ DEL XX SECOLO. 

La scelta del nome del figlio o dell'adottato è pressoché ovunque lasciata alla volontà dei genitori, o di coloro che hanno la potestà del registrando o un potere decisionale (giudici), anche se in alcune culture esistono norme speciali che circoscrivono la libertà di assegnazione del nome della persona. Queste norme generalmente si limitano a porre ridotti vincoli alla scelta del nome da parte dei genitori al fine di evitare l'apposizione di nomi ridicoli o vergognosi o che si prestino a malintesi anche di natura sessuale. E' vietato imporre al bambino lo stesso nome del padre vivente, di un fratello o di una sorella viventi, In Italia la materia è disciplinata dagli artt. 33, 34 e 35 del D.P.R. 03.11.2000 n. 396, in G.U. 30.12.2000 ("Regolamento per la revisione e la semplificazione dell’ordinamento di Stato Civile, a norma dell’articolo 2, comma 12, della legge 15 maggio del 1997, n. 127”).
Fino alla metà del secolo scorso era d’uso comune attribuire ai propri figli maschi i nomi dei parenti più prossimi, a cominciare dal nonno paterno, poi dal nonno materno e a seguire dagli zii paterni e quindi, alternativamente, dagli zii materni; eguale scelta veniva operata per l’attribuzione dei nomi alle figlie femmine.
E, per evitare confusione o per meglio identificare la persona si usava ancora tradurre in dialetto i nomi propri o appioppare ai bambini, nomignoli e vezzeggiativi che si sarebbero portati dietro per tutta la vita e che variavano da provincia a provincia, da comune a comune.
Cosicché, prima ancora che si potesse arrivare al pecco, il bambino Sebastiano, veniva chiamato Ianuzzu, u figghiu di Ninu, o u figghiu di Mara; il bambino Alfio, veniva chiamato Iaffiu u ranni, per distinguerlo, nell’ambito della stessa famiglia, da Iaffiu u nicu.

Per dare alcune indicazioni su come in Sicilia venivano modificati i nomi è stato elaborato l' Elenco alfabetico dei nomi propri,

come riportato nel Dizionario siciliano italiano, compilato da Giuseppe Biundi, Palermo presso i Fratelli Pedone Lauriel Editori proprietari, 1857, con diverse integrazioni segnate con (*). (Il dizionario, pubblicato da books.google.com, è un Libro di pubblico dominio, e quindi, quale anello di congiunzione con il passato, rappresenta un patrimonio storico, culturale e di conoscenza.)

  Per facilitare la ricerca è stato elaborato l' Elenco alfabetico Italiano-Siciliano, ottenuto dalla trasposizione degli stessi nomi propri siciliani. 

            I "pecchi" a Catania

    Fino a poco tempo fa, e per diversi secoli prima, un nome e un cognome (in italiano), senza titolo di studio, attività lavorativa, titolo nobiliare ed altro, non rendeva possibile il riconoscimento, l’identificazione inequivocabile di una persona. Ciò era legato al fatto che, nel rispetto di una consolidata tradizione, era di uso comune far seguire al nomu proprju il “peccu” o nciùriu, o peccùru.

I pecchi, nomignoli o soprannomi, venivano legati ai difetti corporali, alle abitudini, ai vizi di una persona e a tutto ciò che agli occhi del popolo appariva non buona.

Ciò consentiva alle persone (loro malgrado) di uscire dall’anonimato. Ma soprattutto consentiva di legare la persona al proprio territorio, al proprio paese-quartiere, alla propria famiglia, alla propria attività lavorativa, al proprio aspetto fisico.

U peccu”, era un vero marchio di identità.

Quindi, quando si voleva conoscere una persona si chiedeva: “Comu ti sanu sentiri?” (Come ti si riconosce?), con inequivocabile riferimento al “pecco”. “Tu acc’appatteni? Comu ci riciunu a to’ patri?” (Tu a chi appartieni? Come lo chiamano a tuo padre?). Ciò perché spesso il pecco si estendeva ai componenti della famiglia e agli eredi. E se di gradimento, lo stesso peccu all'anagrafe prendeva il posto del cognome.   

La modesta elencazione di pecchi che si riporta ha lo scopo di evitare che il tempo cancelli del tutto questa parte della storia socio-culturale del nostro territorio e del nostro popolo, di sicura antica civiltà.

A babba (finta tonda); A bannera (la bandiera); A cammisara (la camiciaia); A cannunera (la cannoniera); A carruba; A causunara (pantalonaia); A cavaddu zoppu (strano modo di camminare); A fraulara (come la fragola, carnagione fine e rossiccia); A 'gna 'gna (voce mollacchia); A gnaccu ( = chiaccu, molletta per stendere i panni); A iacitana (l’acese); A lolla; A lurdda (la sporca); A mascaruni (viso irregolare); A 'mbriaca (l’ubriaca); A micciu; A 'mmorsu; A mula (la mula); A musca (la mosca); A muzzica visuli (la dispettosa); A nanfarusa; A nchiappata (impacciata); A nnacchiu (occchio piccolo); A paparacianna; A pigghia e potta (pettegola); A pilu russu (pelo rosso); A pilucca (parrucca); A pilusa (la pelosa); A pilusedda; A putiara (putia = trattoria); A quadarara (che fa pentole di rame); A raccamatrici (la ricamatrice); A risinu (brina, infreddolita); A salifiziu; A scappara; A schiticchiu; A scuffata; A sdisiccata (eccessivamente magra); A sicca (la magra); A sparittera (lingua molto “affilata”); A stocchiti; A suggi (la topa); Abbrucia casi; Allicca piatti (lecca piatti, tirchio); Annachiti (dimenati); Annachiti a giacca (dimenati la giacca); Aricchiazzi (orecchie grosse); Arrobba casciola (rubare gabbiette di pesce);

Babbalecchi (balbuzienti); Baccalarusa (da baccalà); Bacchetta; Bacchettaru (costruttore di cassette in legno); Badda (palla, piccolo e tozzo); Baddi 'nciumati (testicoli imbastiti); Baddi niuri (testicoli neri); Baddi sicchi (testicoli asciutti); Badduzza (corporatura tarchiata e rotondetta); Bafacchia (donna eccessivamente grassa); Ballaccheri (che racconta balle); Ballerinu; Baracca; Basilocca; Battagghiu; Biffa; Birichicchia; Buffazza (grosso rospo); Bumma; Busalacchiu;

Caca ova; Cacafocu; Cacasaja (cacare nel canale di irrigazione); Cachiti cachiti; Calamaricchiu; Cantru (vaso da notte);  Caprettu; Carcarazza; Caus'i lignu (pantaloni di legno); Cavaddu zoppu (cavallo zoppo); Cavigghiuni; Cazzalora; Cazzusaru (venditore di bibite gassose); Cedda-babba; Chiapparedda; Chicchirichi; Ciaccaligna (spacca legna); Cianci cianci; Cianci minestra; Ciaura maccu; Cicchi ciacchi (camminare con andamento ritmico); Cicchitedda (piccolo uccello); Ciciruni (di ottima oratoria); Cipudduzza (cipollina, bianca e sottile); Codd'i mulu (collo di mulo, molto tozzo); Coddu arripizzatu (collo con cicatrici); Cuccaredda; Cul’i gomma (culo di gomma); Culu sucatu; Culunnetta (di statura bassa come un comodino); Curtigghiaru (pettegolo); Cutugnu; Cutuletta (orecchie a sventola);

Da cucchiara; Do sangeli (che vende sanguinaccio);

Facc'i cavaddu (faccia di cavallo); Facc'i pichira (faccia di pesce razza); Facc'i trippa (faccia di trippa); Faidduni (magro e alto come pollone d’albero); Forapettu (fuori petto); Frittulicchiari (si interessavano degli affari degli altri); Fulinia (fuliggine); Funcia (labbro grosso e sporgente); Funcitta (labbra piccole); Ghiacciatu; Ghiaroti (trasportatori di ghiaia);

Iaddu vecchiu (gallo vecchio); Iattaredda (gattina); Ietta iacqua (butta acqua); L’ovvu (il cieco); La 'mbilla; Liffia (zucchero per dolci);

Mangia ricotta; Masculazzu; Mazzaredda; Mazzottu; Menzu cappeddu (mezzo cappello, parte coperto dalla folta capigliatura); Menzu jitu (mezzo dito); Minicucca (frutto del bagolaro); Munniali; Mustazzu (baffo);

Nancinaru (inacidito); Nanfarusi (parlando mandavano un suono nasale); Nasca dditta; Nas'i pipa (naso a pipa); Nasu ‘i piùla (naso di barbagianni); Nasuni (naso lungo e arcuato); Ntrichiti micciu; Occhi di jatta (occhi di gatta); Occhi pilusi (Occhi pelosi);

Pacchidda; Pagghiolu (uomone sconclusionato); Panzazza (pancia sporgente); Peri chiatti (piedi piatti); Peri di liafanti (piede di elefante, sproporzionato); Peri peri (piedi piedi, andare in giro); Peri sicchi (piedi magri); Peri tunni (piedi rotondi); Pinnacchia; Pinnacchiu; Piscia sacchi (di chi piscia sui sacchi); Puddiredda; Pumaroru (pomodoro); Pup'i pezza (pupo di pezza); Purricisca;

Quararuni; Quartaruni; Quatrella (quadriglia, ballo);

Sacchi leggi; Sautavanchi; Sbarra passi; Scagghia (scaglia di pietra); Scappa pulita; Scanneddu; Schiticchiu (malandrina); Scinni  mpammu; Sciroccu; Scumazza; Sdintatu (sdentato); Serra corna; Sganga; Spaccu; Spadda quasetti (consuma calze); Sparacani; Spartiventu; Spulicasigni (sagnetta, sanguisuga);

Test'i lignu (testa di legno); Tinagghia (avaro); Tirripizzi; Tistazza (testa grossa); Toturu; Tummineddu; Tumpulata (schiaffo); Tunnacchiu;

U bacchettaru (che fa bacchette per cassette); U ballunaru; U baruni (il barone); U baruneddu (piccolo barone); U bastaddu (il bastardo); U biddazzu (uomo non bello); U cappiddazzu (enorme cappello); U cavaddaru (allevatore di cavalli); U cuppianti (il paraninfo); U finicchiu; U fumararu (raccoglitore di letame); U fungiutu (labbra grosse e sporgenti); U giganti (il gigante); U iattu (il gatto); U lampiunaru (il lampionaio); U lapuni; U lisciu (lo scherzoso); U marzianu; U  mastricchiu (il piccolo maestro); U mostru (il maestro); U 'mpallacchieri; U muvvusu; U 'ntagghiaturi (artista della pietra bianca); U pagghialoru (che lavora la paglia); U passuluni (il fico secco); U primu (il primo); U puddisinu (orecchie sporche tanto da poterci seminare il prezzemolo); U puppittuni; U putiaru (che gestisce l’osteria); U quagghiu; U sbampatu (lo svampato); U scafatu; U scemu (il ritardato); U sciancatu (lo zoppo); U sgarbaratu (sgarbato); U sparritteri (sparlatore); U suggi (il topo); U tignusu (il pelato); U tuccu; U zigniru (lo zingaro);

Vallantu (orlando); Varvazza (brutta barba); Vintirui (ventidue, pazzo); Viulinu (suonatore di violino); Zazzamiti (tarentole).  

            Esempi:

Nome e pecco Al secolo Sintesi storica
Angilu cicirunu Angelo Costa Nipote di Gaetano Di Mauro "Ciciruni". Mandolinista di gran talento e compositore, apprezzato anche da Pietro Mascagni.
Camillu u tignusu Camillo Lombardo Era povero ma orgoglioso, fino al punto da dire "Iù mi sdignu di dari a manu a certi assissuri". Viveva di elemosina chiesta solo a chi gli stava simpatico, tra i quali si ricordano Giovanni Verga, Gaetano Ardizzoni,  Francesco Guglielmino, ecc. Uomo fortemente generoso e benevolo tanto da dividere l'elemosina con altri mendicanti più bisognosi di lui, ai quali offriva anche protezione.
Cicciu toturu Francesco Monaco Ha dato un grande contributo al mantenimento e alla diffusione del folklore siciliano legato ai carretti per la sua capacità nel fischiare e suonare il tamburello.
Cicciu u baruneddu Francesco Manna Poeta dialettale, figlio di Turi Manna. Campava costruendo canestri (cufina) usati dagli agricoltori. Per tale motivo gli è stato dato anche il pecco "u cufinaru"
Cosimu peri peri Cosimo Gibelli Personaggio molto noto nell'antico quartiere di S. Berillo. Si distinse per la sua generosità nei confronti delle "donnine" che lavoravano nelle "case chiuse". Si dette un gran da fare, fuori della legalità, in occasione della chiusura delle case di tolleranza
Don Tanu Ciciruni Gaetano Di Mauro Pittore catanese. Chiamato ciciruni perché possedeva una buona oratoria.
Minicu menzu cappeddu Domenico Fichera Di modesta statura, di mestiere faceva il cocchiere. Grande appassionato di cavalli, frequentatore degli ambienti di scommettitori. In particolare viene raccontata la scommessa vinta a Palermo in occasione delle festa di S. Rosolia. Di lui si diceva che era "cacocciula", malandrino, denotato anche per il fatto di camminare ciondolando, inclinato a sinistra.
Pacchidda Nino Fiorito Era amico e vicino di casa di Grazia Aiello, 'A Paparacianna, entrambi defeliciani, che nel quartiere Fortino durante le votazioni si davano un gran da fare per i candidati di sinistra. 
Peri chiatti Salvatore Esposito Apprezzato fabbro carradore, cioè lavorava le parti in ferro per i carretti. I suoi deboli erano l'amicizia con De felice e le ricorrenze, durante le quali organizzava manciate, festini e balli per parenti e amici.
Puddu quararuni o quadaruni Giuseppe Marletta Era considerato il re dei carrettieri del Fortino. Un autentico mito. Ad ogni suo comando, i cavalli obbedivano ciecamente. Ciò lo ha portato a viaggiare, in Italia e all'estero, per partecipare a sfilate folcloristiche, con carretti addobbati a festa, nei panni di cumpari Affiu, accompagnato dalla moglie (Iana, Sebastiana), che vestiva i panni di Santuzza (personaggi della Cavalleria Rusticana). Nel 1940, quale allevatore di cavalli, si trasferisce a Paternò, divenendo anche quì simbolo dei carrettieri. Non perse mai i contatti con il quartiere Fortino.
Puddu u lupu Giuseppe Liotta Costruttore di carretti (carradore), grande amico di De Felice. Bella figura d'uomo, maschia e vigorosa, sempre pronto a prendersi la questione; forte e manesco non si faceva passare una mosca sul naso e guai a chi osasse mancargli di rispetto.
Puddu Cisca  

Un borseggiatore di "prima" del quartiere Fortino, negli anni trenta-cinquanta. A conferma di ciò si affermava: "Su passi ro’ Futtinu e non meni arrubbatu, Puddu Cisca o è ‘ngalera o è malatu".

Turi quatrella Salvatore Costa Fratello maggiore di Angelo, era un simpaticissimo e popolarissimo organizzatore di cerimonie, trattenimenti, feste da ballo (quatriglie). Era estroso e gioviale, aveva una bella voce, sapeva cantare e suonare. Ma era anche coraggioso, uomo di sustanza.
Turi u baruni Salvatore Manna Figura popolarissima del Fortino. Figlio di Don Francesco "u baruni". Si distingueva per l'imponente statura, tanto che si diceva che quando passava lui gli alberi dei parchi si scuotevano per lo spostamento d'aria che produceva. Grande amico ed elettore di Giuseppe De Felice. Vendeva erba e fieno in una baracca in piazza Palestro, concessa gratuitamente dall'On. De Felice.

N.B.: Pecchi tratti in parte dal libro “I pecchi a Catania" di Santo Privitera, Mare Nostrum Edizioni, Belpasso 2007e dal libro “I pecchi” di Francesco Granata, Niccolò Giannotta Editore, Catania 1972, (con personali integrazioni).

   Torna indietro