Produzioni 

  Biografia

 Curiosit

Contatti 

 Links

Album foto

Torna a Curiosit

 

  PROVERBI SICILIANI

  

      

                

“Pruvrbiu, detto breve, arguto, ingegnoso, e saggio, ricevuto comunemente, che per lo pi sotto parlar figurato comprende avvertimenti attinenti al vivere umano, dedotto da una lunga sperienza.”

I proverbi costituiscono un grande tesoro di conoscenza e di saggezza popolare che si perpetua e che ispirano modi di essere e comportamenti di ciascuno di noi, divenendo vera essenza della cultura siciliana.

Spesso ad essi si attribuiscono valori di una verit assoluta “U pruverbiu no sbagghia mai” (Il proverbio non sbaglia mai), anche perch nel tempo sono stati lungamente verificati “Li pruverbi s tutti pruvati” (I proverbi sono tutti provati).

 Raccolta A-B     Raccolta C     Raccolta D-N     Raccolta O-Z
Siciliano Italiano
A' biddizza menza dta, megghiu ristari schetta c mali maritata La bellezza mezza dote, meglio nubile che male sposata
A bona parola scippa i serpi da tana.  La buona parola, strappa i serpenti dalla tana
A casa capi quantu voli u patruni.  La casa capiente quanto vuole il padrone: l'ospitalit dipende dalla volont del padrone di casa.
A cllira d’a sira srvila ppa matina.  La collera della sera conservala per il mattino seguente
A cu ti leva u pani, lvaci a vita A chi ti toglie il pane, toglici la vita 
A cu ti po’ pigghiari chiddu ca hai, dacci chiddu ca t’addumanna. A chi ti pu prendere ci che hai, dagli quello che ti chiede
A fimmina ca annaca l'anca, se non buttana picca ci manca La donna che dondola l'anca, che sculetta, se non puttana poco ci manca
A fimmina e a gaddina si perdi si troppu camina. La donna e la gallina si perdono se si allontanano troppo
A fimmina senza mandali comu a minestra senza sali. La donna senza grembiule e come la minestra senza sale
A fudda sempri mala vinnita La folla fa sempre concludere poco
A gaddina ca camina, s'arricogghi cu la vozza china La gallina che cammina, si ritira con il gozzo pieno
A gaddina fa l'ovu e u iaddu ci abbampa u culu La gallina fa l' uovo e al gallo gli brucia il sedere
A gatta priscialora fici i gattareddi orbi La gatta frettolosa fece i gattini ciechi ((con la fretta si fanno male gli affari)
A la morti sula nun c' riparu (rimediu) Solo alla morte non c' riparo (rimedio)
A la terra di l'orvi, biatu cui avi un occhiu Nella terra dei ciechi, beato chi ha un occhio (chi sa poco fra gli ignoranti reputato un dotto)
A liggi uguali ppi tutti, cu' havi rinari si 'nni futti La legge uguale per tutti, chi ha i soldi se ne fotte
A lingua non avi ossa ma rmpi l'ossa La lingua non ha ossa, ma rompe le ossa
A livari e non mettiri, termina puru l’acqua di lu mari.  A togliere e non mettere, termina pure l'acqua del mare
A lu muru vasciu, tutti si ci appogiunu Al muro basso, tutti si appoggiano 
A lu siggiri prestamenti a lu pagari lentamente, p succediri gualchi 'ncidenti e non n'hai nenti Ricevere la paga prestamente, pagare lentamente, potrebbe succedere qualche incidente e non ne avrai niente
A mamma l’arma e cu a perdi nun la guaragna. La mamma l'anima, chi la perde non la ritrova pi.
A matinata f a iurnata Alzarsi presto la mattina fa la giornata
A megghiu palora chidda ca nun si dici La miglior parola quella che non viene pronunciata
A nostra vita tutta ‘n jocu, ora ccu l’acqua ora ccu  focu \La nostra vita tutto un gioco, ora con l'acqua ora con il fuoco
A nubbilt pocu s’apprezza, si cci manca a ricchizza La nobilt si apprezza poco se manca la ricchezza
A pagghia vicinu o focu, pigghia focu La paglia vicino al fuoco, prende fuoco
A pani schittu, u megghiu cumpanaggiu lu pitittu Per il pane senza nulla, il miglior companatico l'appetito
A passu arrubbatu passicci sicuru Nel luogo dove i ladri hanno rubato passaci sicuro (incoraggiamento)
A pignata vaddata non vugghi mai La pentola guardata non bolle mai (quando una cosa si aspetta non arriva mai)
A quartara ciaccata non si rumpi mai (dura cchiossi) La quartara fessurata non si rompe 
A quattara ca va all'acqua, o si rumpi o si ciacca La brocca che va a prendere l'acqua, o si rompe o si spacca
A ragiuni l’anu sempri i curnuti e i schecchi. La ragione ce l'hanno i cornuti e gli asini.
A razza cauliceddi non ni f La rapa selvatica non fa cavolicelli (chi di mala razza cose buone non ne fa)
A Santu ca nun suda, nun ti cci agginucchiari Al Santo che non suda non ti ci inginocchiare
A scarsizza fa lu prezzu. La scarsezza di un prodotto fa il prezzo
A spina a cu pungi doli.  La spina fa male a chi ha punto
A tempu ri caristia, ogni funtana leva a siti In momento di carestia (grave bisogno), ogni fontana leva la sete
A testa (menti) ‘n filu di capiddu Si pu perdere facilmente il senno).
A unu nudu centu latri no ponu spugghiari A un uomo nudo cento ladri non lo possono spogliare
A vecchia era di cent'anni e ancora 'mparava La vecchia era di cent'anni e ancora aveva di che imparare
A vucca quantu n'aneddu, si mangia turri, palazzi e casteddu La bocca e quanto un anello, si mangia torri, palazzi e castello
Accatta e vinni quannu si priatu e fatti zitu quannu si anningatu Compra e vendi quando sei richiesto e fidanzati quando sei preteso
Accatta munizza du t munnizzaru e si non n'hai accattala a cantaru Compra immondizia dal tuo immondezzaio e se non ne hai comprala a quintali
Accatta n' diavulu cent'unzi e non n' minchiuni n' sanaru Compra un diavolo per cento once e non un fesso per un sanaro (due centesimi)
Accuss mori l'affamatu, comu mori cu ha manciatu. Cosi muore l'affamato, come muore chi ha mangiato
Aceddu ca 'nta la gaggia, o canta pi 'mmidia o canta pi raggia Uccello che in gabbia, o canta per invidia o canta per rabbia
Acqua ca duna a tanti vadduni a mari non ci n'arriva Acqua che va in tanti torrenti, al mare non ne arriva
Acqua davanti, ventu d'arreri e sapuni moddu sutta 'e peri Acqua davanti, vento dietro e sapone molle sotto i piedi
Acqua passata nun macina cchi (mulinu) Acqua passata dal mulino non macina pi
Acqua, cunsigghiu e sali a c n'addumanna 'n ci nni dari Acqua, consiglio e sale a chi non te ne chiede non ne devi dare
Acquia e focu dacci locu Acqua e fuoco dagli spazio, non li affrontare
Ad ogni Santu veni la so' festa Per ogni Santo arriva la sua festa (per tutti verr il momento propizio) 
Addriccari e disdriccari capu di questioni Abituare e disabituare origine di questioni
Aiutiti ca Diu t’aiuta Datti da fare che Dio ti da una mano
Ama a cu t'ama si v aviri spassu, picchi amari a cu non t'ama tempu prsu Ama chi ti ama se vuoi trarne piacere, perch amare chi non ti ama tempo perso
Ama a c t'ama, rispunni a c ti chiama Ama chi t'ama, rispondi a chi ti chiama
Ama l'amicu to cu lu viziu so Ama l'amico tuo col vezzo suo
Amra a c havi i grannuli ‘nta vigna sfortunato chi ha la grandine nella vigna
Amici e vadditi Guardati dagli amici
Amicizia pi scopu dura pocu Amicizia per uno scopo dura poco
Amicu c tutti, fidili (intrisicu) c nuddu Amico con tutti, fedele con nessuno
Ammtula ca t'allisci e fai cannola, lu santu di mammuru e nun sura Inutile che ti imbelletti e ti fai i boccoli ai capelli, il santo di marmo e non suda
Ammucciari u celu 'cu criu inutili Nascondere il cielo con il setaccio inutile
Amuri e gilusia su sempri 'ncumpagnia. Amore e gelosia sono sempre insieme
Amuri, biddizzi e dinari, sunu tri cosi c non si ponu ammucciari Amore, bellezza e denaro sono tre cose che non si possono nascondere
Amuri, tussi e fumu non si ponu teniri ammucciati Amore, tosse e fumo non si possono tenere nascosti
Anni e piccati su’ cchi di quantu si dcunu.  Anni e peccati sono di pi di quelli che si dicono
Arbulu ca non fa ciuri e non fa frutta tagghialu di sutta Albero che non fa fiori n frutti taglialo alla base
Ariu nettu 'un si scanta di trona Aria netta (senza nubi) non ha paura dei tuoni
Arreri i potti e supra i casci non si ci sta Dietro le porte e sopra le casse non ci si sta
Arvulu ca non sciurisci tgghiulu. Albero che non produce taglialo
Ascuta i vecchi e non la sbagghi Ascolta i vecchi e sei sicuro di non sbagliare
Asini e picciriddi, Diu li aiuta Asini e bambini, Dio li aiuta
Aspittari e nun veniri, jiri a tavula e non manciari, jiri a lettu e non durmiri, s tri peni di muriri Aspettare qualcuno che non viene, andare a tavola e non mangiare, andare a letto e non dormire sono tre pene da morire
Attacca lu sceccu unni voli lu patruni Lega l'asino dove vuole il padrone
Aviri ‘n cori d’asinu e unu di liuni Avere un cuore d'asino e un cuore di leone
Aviri a mangiatura vascia Avere la mangiatoia bassa (avere il necessario sempre a disposizione)
Aviri la facci a prova di bummi Avere la faccia a prova di bombe (sfacciato, senza vergogna)
Aviri setti spirdi comu li gatti Avere sette spiriti (vite) come i gatti, persona in grado di superare qualunque disgrazia o malattia
Babbaluci, fungi e granci spenn’assai e nenti mangi Lumache, funghi e granchi, spendi molto e niente mangi
Basta anticchia di pazzia, ca si fa ‘na fissaria Basta un poco di pazzia per fare delle fesserie (errori)
Battiri lu ferru mentri caudu Battere il ferro mentre caldo (valersi dell'occasione)
Bon tempu e malu tempu non durunu tuttu 'u tempu Buon tempo e cattivo tempo non durano tutto il tempo (sia le cose belle sia le cose brutte non durano per sempre)
Bona maritata, senza sggira e cugnata ben sposata, la donna che non ha n suocera n cognata
Bunazza nun c’ mai senza timpesta Situazione di calma non esiste senza tempesta

Torna indietro